Piazza del Pigneto, tra pusher e degrado i residenti sognano un roseto

Con Planning for Real, un progetto partecipato per la riqualificazione dell’area, i cittadini hanno disegnato la loro piazza dei sogni. Aspettando che arrivino le risorse economiche

24 Aprile 2015

pic1

Il progetto c’è ed è stato appena consegnato agli amministratori, il frutto della partecipazione diretta dei cittadini del quartiere. Piazza del Pigneto vorrebbe rifarsi il look. Il condizionale è d’obbligo perché nessun fondo al momento è stato stanziato per eventuali lavori di rifacimento. Ma il percorso è stato già avviato, soprattutto per capire le esigenze dei residenti, che da anni non percepiscono più la piazza come luogo fruibile se non da spacciatori e senza fissa dimora.

La partecipazione dei cittadini si è svolta da gennaio tramite incontri alla biblioteca Mameli, con una nuova metodologia che li ha coinvolti fin dallo stadio zero. Si chiama Planning For Real, un progetto europeo vinto tramite bando da EuroinnovanetSrl, che ha scelto il V Municipio come trampolino di lancio.
Cosa è venuto fuori? Che basterebbero pochi interventi mirati per restituire lo spazio ai residenti. Prima di tutto la sistemazione del verde, con ripiantumazione di fiori e aiuole. Poi la recinzione con una cancellate arricchita di siepi, la rimozione dell’aiuola centrale e l’aumento delle panchine. Infine la creazione di un’area destinata a funzioni di tipo ricreativo-aggregativo, con una piccola zona rialzata da utilizzare come palco per eventi.
Un sogno irrealizzabile? „In questo momento il Dipartimento Tutela Ambiente che ha in carico la piazza non ha un piano investimenti” spiega l’assessore all’Ambiente del Municipio, Giulia Pietroletti. Almeno per quest’anno insomma non ne se parla. Intanto però il Comune è stato allertato. „Ci siamo messi in contatto con l’assessorato all’Ambiente di Estella Marino e alla Partecipazione di Paolo Masini, ci hanno assicurato entrambi, non appena si riaprirà il piano investimenti, il massimo supporto”. E che, aspettando le risorse economiche, verrà messa a disposizione l’esperienza di chi cura ogni giorno il roseto comunale.
Già, perché tra le idee in programma si parla di un giardino di rose nella piazza, che i cittadini potrebbero curare per loro conto. „E’ un idea molto particolare che ha colpito anche gli assessori, solitamente le aree verde vengono progettate in maniera standard, e a un roseto non ha mai pensato nessuno. Addirittura ci sarebbe un gruppo di residenti disposto poi a curare le piante, e gli esperti del roseto comunale faranno dei seminari istruttivi sul tema”

Have a question ?
Contact us via e-mail and we will get to you as soon as possible.