Piazza del Pigneto, con il Planning For Real si lavora alla bonifica dal basso

Un progetto europeo vinto tramite bando da Euro Innovanet Srl, che ha scelto il V Municipio come territorio sperimentale di una nuova metodologia di intervento, dal basso e da zero

RTRedazione 22 Gennaio 2015

Consiglia

17
5

pic5             Piazza del Pigneto

Un nuovo percorso di progettazione partecipata per piazza del Pigneto, con una nuova metodologia che coinvolge il cittadino fin dallo stadio zero. Si chiama Planning For Real, un progetto europeo vinto tramite bando da Euroinnovanet Srl, che ha scelto il V Municipio come trampolino di lancio.

Si tratta di un progetto che si svolgerà in più fasi e andrà avanti fino a marzo. Rispetto ad altre esperienze passate, i cittadini saranno coinvolti nelle riqualificazione della piazza senza un’idea progettuale esistente, ovvero parteciperanno sin dall’inizio alla sua rivitalizzazione.

E’ già da alcune settimane che si svolgono gli incontri presso la biblioteca di via del Pigneto. „Stiamo incontrando i cittadini del quartiere – spiegano da Euroinnovanet – i quali, tramite il supporto di un modellino 3D realizzato da alcune classi dell’istituto comprensivo Manzi, ci stanno segnalando le problematiche e le proposte che vengono costantemente registrate su un database”.

Dalle segnalazioni emergeranno le problematiche/proposte prioritarie, oggetto di confronto nei futuri gruppi di lavoro (formati da cittadini ed esperti/tecnici esterni) che verranno formati i primi di febbraio.

La sperimentazione sul campo significa realizzare con i cittadini un progetto realistico di riutilizzazione di uno spazio verde, oggi degradato e non utilizzato, che potrebbe riguardare tre punti importanti per il quartiere. Primo, come si intenda ridare vita a una piazza oggi marginale nella vita del Pigneto; secondo, quali collegamenti fisici (urbanistici) e sociali bisogna ricomporre tra piazza del Pigneto e il resto del quartiere perché quel “ridare vita” possa durare e acquisire senso.

Annuncio promozionale

Terzo, come “difendere” il bene comune riconquistato, ovvero quale contributo possono dare i cittadini stessi e quali interventi chiedere alle istituzioni affinché la piazza resti un punto di socialità, di incontro e di collegamento tra le diverse parti del quartiere che oggi appaiono separate.

Have a question ?
Contact us via e-mail and we will get to you as soon as possible.